//
stai leggendo...
Vari argomenti

Ma che paese straordinario è il paese dell’incontrario

Ma che paese straordinario

è il paese dell’incontrario

dove sia non si sa

Io lo so ma non lo dico”

si cantava in un vecchio carosello.

Noi lo abbiamo scoperto….

Il Comune di Tufino negli ultimi venti anni ha ricevuto enormi introiti derivanti dalle due discariche e dallo STIR ex impianto CDR …

e ci ritroviamo a pagare le tasse comunali con le aliquote tra le più alte d’Italia.

La vecchia Amministrazione ebbe a dire di aver realizzato opere pubbliche per 42 milioni di euro …

e i cittadini non se ne sono accorti.

Il territorio di Tufino ancora oggi svolge un ruolo cruciale per la risoluzione della problematica rifiuti per l’intera regione Campania …

e i cittadini non ne hanno mai avuto un reale beneficio in termini di servizi.

È TUFINO IL PAESE DELL’INCONTRARIO!!!

Un’Amministrazione Comunale che è consapevole della situazione economica nella quale versa la propria cittadinanza non deve tartassarla con tasse e tariffe spropositate.

Ridursi alla gestione ordinaria e del breve periodo è proprio degli stolti.

Negli anni, considerati gli enormi introiti, non si è mai provveduto ad investire queste risorse in promozione di attività di impresa, né tantomeno è stata fatta un’oculata gestione economica che avrebbe garantito una “rendita vitalizia” alle casse del Comune.

Un esempio su tutti per abbattere la TARES (o TARSU???) è la realizzazione di una piattaforma di riciclaggio che creerebbe posti di lavoro ed un aumento della percentuale di differenziata che abbatterebbe notevolmente i costi di conferimento dei rifiuti.

Un’Amministrazione Comunale dovrebbe costruire un paese a dimensione del cittadino, evitando opere pubbliche faraoniche ed inutili come la caserma dei carabinieri o pericolose come la scuola ambientale allocata in una zona ad alto rischio idrogeologico, a ridosso e sotto il livello degli argini di un regio lagno.

Quest’ultima struttura a cosa sarà realmente destinata? Sarà mai conclusa?

Meglio, invece, è realizzare una casa delle associazioni, una biblioteca comunale e destinare risorse nella ristrutturazione delle scuole esistenti ormai fatiscenti e nella manutenzione e riqualificazione delle aree “verdi” e delle piazze.

Un’Amministrazione Comunale piuttosto che spendere energie, tempo e denaro per trovare i cavilli amministrativi per licenziare 15 dipendenti part-time, avrebbe dovuto industriarsi per tenerseli e utilizzarli per garantire il minimo di quei servizi che attualmente sono inesistenti. Che fine hanno fatto i servizi sociali? E la vigilanza sul territorio? E le politiche scolastiche?

In sintesi, cara Amministrazione un Augurio per il 2014:

CAMBIA VERSO”!

chepaese-straordinario-fb

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Calendario

gennaio: 2014
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: