//
stai leggendo...
Vari argomenti

TUFINO: UN PAESE DORMITORIO. di Lista Civica per Tufino

Da molti anni,da quando nuove case sono state realizzate,sono venute a vivere a Tufino centinaia di persone provenienti dai paesi vicini. Perchè hanno scelto Tufino per stabilire la propria residenza e sradicarsi dal paese natio? Sicuramente una disponibilità abitativa,un paese non caotico nè sovraffollato come Nola,Ercolano,Torre del Greco etc.,la possibilità di stringere rapporti più amichevoli e meno formali con gli altri abitanti. Spesso i figli dei neo residenti hanno frequentato le nostre scuole e ciò è stato utile per stringere rapporti anche tra genitori, mentre altre volte è stato più difficile tagliare il cordone ombelicale col paese di provenienza e la nuova casa,per tanti altri motivi,è finita per essere il luogo di riposo,il “buen retiro”dopo una giornata di lavoro e di impegno. Cosa non hanno trovato questi “nuovi tufinesi”,qui,da noi? Certamente non hanno trovato dei luoghi di aggregazione sociale,delle strutture dove ognuno avrebbe potuto trovare motivo di svago,di conoscenza,di confronto. Tufino non è privo di spazi pubblici,ma questi sono “spogli”,senza attrattiva,a tratti sono anche “respingenti”poichè non sono opportunamente sorvegliati e ben curati. Unico luogo frequentato sporadicamente da giovanissimi è la villetta comunale che potrebbe ospitare iniziative per grandi e piccini. Essa non riesce a svolgere un ruolo più utile poichè mai le amministrazioni comunali che si sono succedute hanno pensato di dedicarle energie,pensieri e risorse. Un campo di calcio, che ha assorbito centinaia di migliaia di euro, distrutto per fare posto ad una caserma dei Carabinieri;stessa sorte ha subito una scuola nel rione Gescal,mentre l’ex sede municipale viene concessa all’ARPAC e l’ex scuola elementare di Schiava si dice che verrà data in locazione ad un privato per farne una struttura per anziani. Insomma sono solo esempi ma si potrebbe ancora continuare. Possiamo dire che l’Amministrazione comunale di Tufino manchi di una politica di accoglienza,non favorisce la nascita di iniziative aggreganti,anzi talvolta incentiva l’espulsione di propri concittadini dalla vita sociale ed educativa del posto. A tal proposito vogliamo ricordare l’episodio relativo al contributo di 120 euro che il Comune di Tufino avrebbe elargito a favore di quei genitori che si fossero dichiarati disposti a iscrivere i propri figli in scuole d’infanzia private del circondario,pur di non ammettere il proprio fallimento in materia di politiche scolastiche. Ma Tufino è stato il comune più ricco d’Italia e diciamolo, mal sopportiamo che siamo ridotti ad essere un paese dormitorio a causa della sciatteria,dell’insipienza di amministrazioni comunale dedite soltanto a collocare qualche congiunto di un manipolo di consiglieri e assessori,nella società “Campania Felix”,nello Stir o nella pianta organica dell’ente. Per tutto il resto è notte fonda.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Calendario

maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: