//
stai leggendo...
Vari argomenti

L’ANALISI: CI SERVE VERAMENTE CAMPANIA FELIX? QUANTO COSTA AI CITTADINI DI TUFINO? di Giovanni Santaniello

il logo di campania felix, l'unica cosa che troverete sul sito della società partecipata

Ci serve VERAMENTE Campania Felix ? Quanto costa al cittadino Campania Felix? Dalla lettura del bilancio approvato il 15 luglio 2010 (soci presenti Nola e Tufino) risulta che i soldi che la società avanza da terzi sono aumentati di ben 2.980.613 nel corso del 2009. Il Consiglio di Amministrazione spiega anche perché e ci dice che nel corso del 2009 la Campania Felix ha speso € 886.700 per la stabilizzazione dei dipendenti del Comune di Nola: poiché le assunzioni sono state fatte in esubero rispetto a quanto previsto nel contratto stipulato con il Comune di Nola, occorre promuovere un’azione nei confronti del comune stesso e farsi rimborsare! In pratica sono state assunte più persone di quante ne servissero effettivamente! Va da sé che se Nola non paga (e finora non ha pagato) quei costi sostenuti per stabilizzare i dipendenti del Comune di Nola saranno a carico dei soci della Campania Felix, tra cui il Comune di Tufino, che è socio di maggioranza con il 45,61% delle azioni. E così con i soldi dei cittadini di Tufino sono stati stabilizzati dipendenti del Comune di Nola! Capiamo che i Ferone sono essenzialmente cittadini di Nola, anche se si dilettano a frequentare la colonia di Tufino e a giocare troppo con la pelle dei Tufinesi! Il Consiglio di Amministrazione della Campania Felix dice, anche, che i Comuni in cui viene effettuato il servizio di raccolta e spazzamento devono pagare ancora le seguenti somme: a. € 641.241 per adeguamento del costo del personale per il 2009; b. € 139.849 rimborso canoni leasing (noleggio di macchinari); c. € 155.454 per noli; d. €   66.721 per rimborso manutenzioni e riparazioni straordinarie. In pratica Campania Felix dovrebbe avere in totale dai Comuni in cui svolge il suo servizio, oltre ai normali canoni mensili per l’espletamento dello stesso, un’ulteriore somma di € 1.003.265. Cioè i Comuni, soci della Campania Felix oltre a dover cacciare dei soldi per acquistare le quote di questa Società, oltre a ripianare i suoi debiti, oltre a pagare un canone mensile per usufruire del servizio di raccolta dei rifiuti, DEVONO PAGARE anche le spese occorrenti per far sopravvivere la Società! Cornuti e Mazziati! Si tenga conto che, PER LEGGE, il costo di un servizio reso dal Comune, come quello della raccolta della spazzatura deve essere a totale carico dei cittadini, quindi più soldi dobbiamo a Campania Felix più aumenterà quello che dobbiamo pagare di tassa sulla spazzatura! Il documento più sconvolgente è la valutazione economica sulla società effettuata dal Collegio sindacale,  che nella relazione che accompagna il Bilancio dice: “la Società si trova in condizioni di squilibrio finanziario che non consente alla stessa di adempiere con puntualità ai versamenti sia fiscali che previdenziali. Lo squilibrio finanziario è dovuto essenzialmente al mancato incasso dei crediti maturati nei confronti dei clienti – Enti pubblici, i quali rivestono anche la qualifica di soci. Pertanto si sollecita l’Organo amministrativo, anche promovendo azioni legali, di attuare una rigorosa azione di incasso di tali crediti ed i singoli soci-clienti a rispettare puntualmente i tempi di pagamento convenuti: tali condotte, oltremodo dilatorie, costituiscono degli ostacoli insormontabili per un sereno andamento della gestione finanziaria. Il Collegio sindacale esorta il CdA a verifcatre attentamente la situazione economica e finanziaria della società al fine di appurare se vi sono tutte le condizioni per assicurare la continuità aziendale; esorta, inoltre, il CdA a sottoporre ai soci un piano di risanamento in cui i soci devono essere invitati a incrementare il Patrimonio della società che, a parere del Collegio Sindacale, appare insufficiente; invita, inoltre, a rivedere in aumento i canoni contrattuali versati dai clienti in quanto gli stessi non coprono i costi sopportati dalla società per l’espletamento del servizio; invita, inoltre, a proseguire la politica di razionalizzazione dei costi in particolare: personale e servizi.”

In pratica il Collegio Sindacale dice alla Società: Verificate se avete i mezzi per poter continuare, altrimenti o CHIUDETE o aumentate il canone del servizio ai Comuni. E comunque occorre razionalizzare i costi del personale e dei servizi. In  pratica a Campania Felix è stato detto in modo chiaro: RIDUCETE I COSTI. Ma come si riducono i costi del personale? La situazione è gravissima: CAMPANIA FELIX, così com’è, non serve ai cittadini di Tufino perché costa  tantissimo e in un prossimo futuro costerà ancora di più. CAMPANIA FELIX non permette una gestione adeguata del ciclo dei rifiuti; è un pessimo affare dal punto di vista economico; non garantisce la tenuta occupazionale dei propri attuali dipendenti (infatti le osservazioni del Collegio Sindacale suonano come un invito ad un taglio della mano d’opera) figuriamoci se ha possibilità di ulteriori assunzioni! In definitiva potremmo proporre al Sindaco di Tufino di lasciar perdere Campania Felix e dirottare la propria attenzione su un trenino elettrico: come giocattolo è meno costoso di Campania Felix e anche meno dannoso, soprattutto per le tasche dei tufinesi.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Calendario

aprile: 2011
L M M G V S D
    Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: