//
stai leggendo...
Vari argomenti

“L’UOMO È PER NATURA UN ANIMALE POLITICO”. di Fortuna Cassese

La prima definizione di “politica” (dal greco πολιτικος, politikós) risale ad Aristotele ed è legata al termine “polis”, che in greco significa la città, la comunità dei cittadini; secondo il filosofo, “politica” significava l’amministrazione della “polis” per il bene di tutti, la determinazione di uno spazio pubblico al quale tutti i cittadini partecipano. Al di là delle definizioni, la politica in senso generale, riguardante “tutti” i soggetti facenti parte di una società e non esclusivamente chi fa politica attiva, è l’occuparsi in qualche modo di come viene gestito lo stato o sue substrutture territoriali. In tal senso “fa politica” anche chi, subendone effetti negativi ad opera di coloro che ne sono istituzionalmente investiti, scende in piazza per protestare.
Oggi, ovunque nel mondo, la maggior parte della gente ha perso la fiducia nei politici. Corruzione, cospirazioni e scandali politici sono diventati la norma in ogni paese ed in ogni partito, per cui moltissimi politici hanno perso la fiducia anche dei propri sostenitori. Molti credono che la Politica generi automaticamente la corruzione, per cui il detto: “dove c’è potere c’è corruzione”. Nessuna meraviglia quindi se la maggioranza delle persone non ha fiducia non solo nei politici, ma anche nella Politica in quanto tale. Molti si rifiutano di votare, non credono più che il voto possa portare dei cambiamenti significativi. Non votare per i propri rappresentanti è un voto di “sfiducia” per quel tipo di governo. Spesso le persone disgustate dalla doppiezza di quasi tutti i politici cercano quelli che possono meritare la loro fiducia, ma se per caso riescono a trovarne alcuni, di solito verranno poi traditi anche da questi. Nessuna meraviglia se taluni pensano che il parlamento va rimpiazzato da un dittatore. Altri rifiutano l’ipotesi di un dittatore, ma poiché non vedono alternative, si rassegnano e abbandonano la Politica ai politici. Ciò peggiora le cose, perché in questo modo si lascia che la società venga gestita da politicanti preoccupati più del loro potere personale che degli interessi della collettività. Sicuramente la vita politica deve essere moralizzata, cioè nel senso che non dobbiamo dimenticare che la vita politica, a partire dal Settecento è soggetta a un controllo da parte di un fattore, che potremo considerare il vero protagonista della vita delle nostre società, cioè l’opinione pubblica. Oggi, nella nostra società, quest’opinione pubblica in qualche modo va ricreata, perché appare stretta dalla morsa, da un lato del ceto politico, che, nei paesi occidentali appare sempre più separato, un ceto sempre più professionalizzato. Il linguaggio della politica è uno dei linguaggi più anacronistici che oggi si hanno. Non ha nulla a che fare con la ricchezza dei linguaggi, che noi adoperiamo nella nostra vita quotidiana, che sono mediati dalla comunicazione di massa, sono mediati dalla musica, sono mediati anche da un certo tipo di esperienza che, diciamo collettiva, di dialogo collettivo, di comunicazione collettiva. E’ anacronistico rispetto al linguaggio dell’arte, di un certo tipo di letteratura. Ecco, quindi, il ritardo del linguaggio è la spia del problema. Quando il linguaggio di una determinata sfera della società è arretrato rispetto alla dinamica sociale, beh, allora lì bisogna intervenire.
La politica è lo strumento che influenza molte scelte della nostra vita quotidiana. Non è possibile affermare che la politica non interessi, perché tutte le scelte politiche riguardano le cose che possiamo o non possiamo fare. Per i giovani partecipare alla politica cittadina significa costruirsi “il futuro con le proprie mani”, per questo i giovani devono partecipare attivamente a queste scelte politiche che influenzano la nostra vita quotidiana. La Storia siamo noi, siamo noi che costruiamo la storia con le nostre decisioni e con le scelte che facciamo oggi.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Calendario

aprile: 2011
L M M G V S D
    Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: