//
stai leggendo...
Vari argomenti

VERSO MARI MIGLIORI di Carmine Parente

In una giornata di primavera di due anni fa , riconosciuta dall’amministrazione comunale “ la necessità di operare in stretta collaborazione con le diverse realtà ed organizzazioni sociali che compongono l’universo giovanile del nostro paese”, nasceva il “FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI inteso come spazio di incontro permanente tra i giovani, le aggregazioni giovanili e l’amministrazione comunale”. Ogni legislazione, ogni movimento politico, ogni persona che vuole dedicare il proprio tempo per il raggiungimento del benessere sociale, deve prescindere dal coinvolgimento dei giovani nella vita politica; La nuova istituzione del Forum sembrava l’uscita dal tunnel del disinteresse, il refolo improvviso di una amministrazione assente e carente nei confronti di quella forza vitale portatrice sana di idee sane e sincere. Per noi ragazzi, per noi che desideriamo ardentemente lo sviluppo culturale e sopratutto ricreativo del luogo in cui ogni giorno ci svegliamo, quella folata di vento improvvisa, quella possibilità di poter essere partecipi del progresso di cui tanto si parlava, ci colse con tremenda enfasi. Fu eletto un collettivo, e successivamente un coordinatore. … Gli impegni dell’amministrazione comunale erano di: • Convocare il consiglio comunale almeno una volta l’anno per discutere la programmazione delle politiche giovanili comunali. • Chiedere parere al Forum sui propri bilanci preventivi nonché sui piani degli investimenti in materia di politiche giovanili. • Far pervenire, anche su richiesta del Forum atti, documenti, studi e dati consentiti dalle norme in vigore;• Pubblicizzare le iniziative concordate e gli eventuali documenti del Forum; • Favorire l’utilizzo di spazi autonomi sulla stampa edita direttamente dall’Amministrazione da parte degli Organi del Forum; • Favorire l’utilizzo di spazi autonomi autogestiti all’interno dei servizi di informazione dell’Amministrazione Comunale rivolti ai giovani. Quali sono stati gli impegni mantenuti dall’amministrazione? Sebbene il Forum abbia avuto breve vita per motivi da accertare, nessun membro del Forum può ricordare la convocazione di un consiglio comunale dedicato alle politiche giovanili, nessun membro può ricordare la richiesta palese di un parere sulle politiche giovanili da parte degli assessori , nessun membro ha mai potuto avere come oggetto di studio le norme in vigore, anche se richieste. Si è notata anche la totale negazione dell’Amministrazione Comunale nel mettere a disposizione locali idonei per l’attività del Forum: una stanza minuscola, e su richiesta l’aula consiliare. Dal cilindro magico verranno estratti motivi di facile congettura affinché vengano confutate le teorie su questi mancati impegni; si parlerà di inadempienze, verrà, probabilmente, attivata la macchina del fango; ma agli obblighi morali non si sfugge! È inutile soffermarsi sui compiti del Forum ( promuovere iniziative pubbliche, progetti, etc…), quando il principale male deriva dall’inadeguatezza di un sistema comunale equiparabile ad un latitante che sornione aspetta l’attimo giusto per piazzare i suoi colpi. La morte precoce del Forum era nell’aria, subito si è percepito il destino che lo aspettava, bravi nei giorni inaugurali a farci sentire protetti dalla vostra ala, ancora più bravi a scomparire nel nulla e farvi presente nelle occasioni favorevoli. Non parlo di presenza economica (sebbene era vostro impegno), parlo di presenza fisica, quella presenza di una parola che rincuora, di quella pacca sulla spalla che ti rinfranca, e soprattutto di vedersi interlocutore il signor primo cittadino. Nonostante tutto noi abbiamo resistito, cercando, nel nostro piccolo, di raggiungere le finalità preposte, di adempiere ai nostri compiti, di continuare per la strada tracciata, ma l’assenza, la vostra assenza, è pesata più di un macigno. Così come giorno dopo giorno andava a sfinirsi il nostro morale, così è arrivata la fine del Forum. Quello che vogliono i giovani non sono promesse, né paroloni, né ipocrisie, quello che vogliono i giovani sono binari dove poter costruire certi la stazione del proprio futuro, e qui, a Tufino, sembra che il capostazione sia la figura sabotatrice. Quello che chiedono i giovani è che il vivere agiatamente nella propria comunità, non debba essere più una chimera; quello che chiedono i giovani è interesse verso i propri sogni. Quello che chiedono i giovani è un’amministrazione attenta ai loro bisogni. Quello che chiedono i giovani spesse volte si esprime nell’indifferenza ed il compito di una amministrazione degna è di ricucire con il dinamismo dell’azione politica lo strappo prodottosi anno dopo anno, delusione dopo delusione. La speranza è di una presa di coscienza: Ragazzi stiamo navigando su bassi fondali, meritiamo mari migliori, mari trasparenti ed immensamente belli.  Costruiamo la Tufino che vogliamo!

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Calendario

aprile: 2011
L M M G V S D
    Mag »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Archivio

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: